Come arrivare da:


Newport Beach The Wedge

The Wedge è un fenomeno anomalo in cui le onde in arrivo rimbalzano sul molo locale e raddoppiano di dimensioni prima di infrangersi violentemente sulla sabbia.
Situato nella periferia di Los Angeles, The Wedge di Newport Beach è una delle onde più impegnative della California e probabilmente una delle esperienze di wave riding più difficili della costa occidentale degli Stati Uniti.

Il suo nome dice tutto. Questo famigerato wedgy surf spot mescola le caratteristiche principali di un classico beach break, un imprevedibile point break e un martellante shore break.

The Wedge è il risultato naturale di un pontile di massi di granito lungo 2.000 piedi costruito dal Corpo degli Ingegneri dell'Esercito a metà degli anni Trenta. Fu cavalcato per la prima volta dai bodyboarder alla fine degli anni '50.

Durante le giornate di forte mareggiata, The Wedge diventa l'epicentro dei coraggiosi e uno dei centri di surf più frequentati della regione, con decine di esperti watermen in acqua pronti a mettersi in mostra e a impressionare la folla sulla spiaggia.

The Wedge può anche essere visto come un centro di attività sadomasochistiche dove sono state rotte migliaia di ossa, denti e costole, e sono state riportate innumerevoli contusioni, tagli e altre ferite.

 


The Wedge is a freak phenomenon in which incoming waves rebound off the local jetty and double in size before crashing violently onto the sand.

Located in the outskirts of Los Angeles, Newport Beach's The Wedge is one of the most challenging waves in California and probably one of the toughest wave-riding experiences on the West Coast of the United States.

Its name says it all. This notorious wedgy surf spot mixes the main characteristics of a classic beach break, an unpredictable point break, and a pounding shore break.

The Wedge is the natural result of a 2,000-foot granite boulder jetty built by the Army Corps of Engineers in the mid-1930s. It was first ridden by bodysurfers in the late 1950s.

During powerful groundswell days, The Wedge becomes the epicenter of the brave and one of the busiest surfing centers in the region, with dozens of experienced watermen in the water ready to show off and impress the crowd on the beach.

The Wedge can also be seen as a sadomasochistic activity center where thousands of bones, teeth, and ribs have been broken, and countless bruises, cuts, and other injuries have been sustained.


Hourly Forecast 8 days
Viaggiare Sicuri United States of America Ultimo aggiornamento: 31/01/2024
Indicazioni generali, ordine pubblico e criminalita'
Si registra un aumento dei casi di criminalità violenta. In linea generale, occorre adottare particolare cautela, soprattutto durante le ore serali e notturne, in alcune zone considerate non sicure, situate all’interno dei grandi centri urbani. La vita lavorativa e sociale americana termina prima di quell’italiana e spesso i centri delle città si spopolano già intorno alle 18.00-19.00 creando difficoltà nel trovare mezzi di trasporto. In aumento, soprattutto nella città di San Francisco, furti con scasso di autovetture parcheggiate (furti di oggetti personali quali documenti di viaggio, carte di credito, strumenti elettronici).

Rischio terrorismo
Persistono rischi di attentati soprattutto nelle grandi metropoli, ma anche in comunità e centri minori dove si registrano periodicamente gravi incidenti con armi da fuoco. Le Autorità americane hanno adottato protocolli di emergenza (https://www.dhs.gov/active-shooter-preparedness), così come un’ampia gamma di misure di prevenzione, che vanno dai maggiori controlli alle frontiere, alla sicurezza degli aeroporti e dei porti, agli attacchi con mezzi chimici e batteriologici, alla protezione di centrali nucleari, delle infrastrutture civili ecc.Gli intensificati controlli di sicurezza, anche in chiave anti-terrorismo, potranno comportare tempi più lunghi e difficoltà maggiori nelle operazioni in aeroporto (check-in, passaggio al metal detector etc.), nonché per l’accesso a musei, edifici pubblici etc.

Rischi ambientali e calamita' naturali
FENOMENI CICLONICI (URAGANI, TEMPESTE TROPICALI)Fenomeni ciclonici (uragani, tempeste tropicali etc.) possono interessare le zone caraibiche, tendenzialmente da giugno a novembre, anche a latitudini più basse delle usuali (Florida, Caraibi, Golfo del Messico fino all’Alabama, Louisiana, Mississippi e Texas). Si verificano ormai con relativa frequenza anche casi di fenomeni ciclonici che interessano, direttamente o come colpo di coda, New Jersey e New York. Sono possibili in tali circostanze forti disagi, ed in alcuni casi situazioni di emergenza. Gli uragani Irma e Maria, nel mese di settembre 2017, hanno investito l’intera fascia insulare dei Caraibi, causando danni alle infrastrutture e alle vie di comunicazione, in particolare a Porto Rico. Tra fine agosto e la prima decade di settembre 2019, l’uragano Dorian ha colpito duramente Puerto Rico, ma anche Florida, Georgia, Carolina del Sud e Carolina del Nord. Nello stesso periodo, nel 2021, la tempesta tropicale Ida ha causato danni significativi in Louisiana, nonché allagamenti e alluvioni negli stati di New York e New Jersey. In linea generale, si suggerisce ai connazionali, prima di mettersi in viaggio nella stagione degli uragani, di contattare il proprio tour operator/albergo o informarsi presso le Autorità locali per verificare la situazione meteo a destinazione. Informazioni su fenomeni atmosferici in USA sono riportate in tempo reale dal “National Weather Service” (www.weather.gov) e dal “National Oceanic and Atmospheric Administration” (www.noaa.gov). Suggerimenti e consigli di carattere generale, per questo tipo di rischio, si possono reperire  consultando l’Approfondimento di questo sito Consigli per situazioni di emergenza. Ai viaggiatori che intendano recarsi nelle località costiere prospicienti il Golfo del Messico, la Florida, il Texas e la Louisiana ed in particolare ai velisti e croceristi, si suggerisce di tenersi informati attraverso i mass media, consultando le previsioni meteorologiche della zona, anche direttamente attraverso il sito web www.nhc.noaa.gov del National Hurricane Center di Miami e di evitare le zone ove maggiore potrebbe essere l'esposizione al rischio. Si raccomanda, inoltre, di attenersi agli eventuali comunicati delle Autorità e delle Capitanerie portuali locali. A Miami la possibilità del verificarsi di un uragano è di norma maggiore a fine agosto, settembre o ottobre. La Florida è anche uno degli Stati americani più colpiti dai fulmini. Nel periodo estivo può succedere che le spiagge debbano rapidamente essere evacuate ed a volte possono rimanere chiuse per qualche giorno.Per ulteriori informazioni su rischi e pericoli nonché norme di comportamento, si rimanda al link del Consolato Generale d’Italia a Miami:http://www.consmiami.esteri.it/consolato_miami/it  - Stagione Uragani dal 1° Giugno al 30 Novembre e sulla pagina facebook “emergenza uragani-gruppo pubblico” https://www.facebook.com/groups/145957899336879/ Il Consolato Generale d’Italia a Houston fornisce informazioni sulle aree di propria competenza a questo link:http://www.conshouston.esteri.it/Consolato_Houston/Menu/I_Servizi/Preparativi_uragani/.  INCENDINegli ultimi anni,  nel periodo  che va generalmente da agosto a novembre,  la costa occidentale degli Stati Uniti ha visto un notevole incremento di incendi di proporzioni ingenti con distruzione di ampie parti di foreste negli Stati della California, Oregon e Washington ed evacuazioni di massa di cittadini da centri abitati. Si invitano i connazionali ad informarsi con attenzione prima di intraprendere un viaggio in particolare nel periodo dell’anno menzionato e di seguire scrupolosamente le indicazioni delle Autorità locali.Per informazioni su eventuali incendi in California, si prega di consultare il sito: http://www.fire.ca.gov/   http://inciweb.nwcg.gov/state/5/A Los Angeles l’ “Emergency Management Departement” ha ideato un sistema di notifica su cellulare di gravi emergenze (terremoti, incendi, ecc.) e relative norme di comportamento. Per ricevere tali notifiche, occorre registrare i propri dati sul sito http://preparelanow.org/.Nel corso della stagione invernale e a causa delle eccessive ondate di freddo che colpiscono varie zone degli Stati Uniti d'America possono verificarsi disagi nei trasporti e la sospensione di alcuni voli. Si consiglia prima della partenza per il Paese, di monitorare le condizioni meteorologiche (https://forecast.weather.gov) e di verificare con la compagnia aerea lo status dei voli.  ATTIVITA’ VULCANICADopo l’eruzione del novembre 2022, il vulcano Mauna Loa, sull’isola di Hawaii, ha cessato la propria attività: la situazione continua, comunque, ad essere sotto osservazione da parte dell’ “Hawaiian Volcano Observatory” (Hawaiian Volcano Observatory | U.S. Geological Survey (usgs.gov) Si suggerisce di mantenersi aggiornati sui canali della “Hawaii Emergency Management Agency” (www.ready.hawaii.gov) e di prenotare i voli per l’isola solo dopo aver interpellato le Compagnie Aerea, per conferma diretta dell’operatività del proprio volo.Per ulteriori informazioni e monitoraggio dell'attività vulcanica nel Paese, si veda: Volcano Hazards | U.S. Geological Survey (usgs.gov)  

Aree di particolare cautela


Avvertenze
Si consiglia ai connazionali  di:- registrare i dati del proprio viaggio su DOVESIAMONELMONDO;- pianificare con attenzione il proprio viaggio qualora ci si intenda recare in zone esposte a fenomeni naturali di natura ciclonica (es. stagione degli uragani) tenendo conto della possibilità che, nelle aree colpite, si verificano ritardi o interruzioni dei collegamenti aerei, marittimi e via terra, malfunzionamenti anche prolungati nelle linee di comunicazione e nelle forniture elettriche ed idriche e danni anche gravi alle infrastrutture ed alle strutture ricettive; - seguire attentamente gli aggiornamenti forniti dai mezzi di comunicazione in loco e attenersi scrupolosamente alle indicazioni impartite dalle autorità locali, che potrebbero anche dover procedere a evacuazioni e trasferimenti - precauzionali o di emergenza - dalle zone colpite, per tutelare l’incolumità dei connazionali e dei cittadini stranieri presenti;- prestare attenzione sulle coste occidentali e orientali della Florida alla presenza delle cosiddette ‘alghe rosse’, più propriamente definite ‘Karenia Brevis’, Tali micro organismi possono causare ai bagnanti, o anche a chi si trova in prossimità delle coste,  reazioni allergiche con irritazione della cute, degli occhi e del sistema respiratorio;- è frequente l’arresto di automobilisti per la mancata osservanza del rispetto dei limiti di velocità e del codice della strada; - non guidare in stato di ebbrezza in quanto il tasso alcolico consentito è molto basso e il superamento del limite è punito con severità. Si consiglia, pertanto, di seguire scrupolosamente le istruzioni della Polizia in caso di fermo come ad esempio: non uscire dal veicolo; tenere le mani sul volante; mostrare i documenti richiesti, ecc; - prestare particolare attenzione nell’acquisto di articoli di elettronica e telefonia nei negozi di piccole dimensioni nei dintorni di “Times Square” a New York poiché in alcuni casi gli oggetti acquistati sono risultati contraffatti.   Si sono verificati ripetuti casi di truffa a danno di persone che, in previsione di un viaggio o di una vacanza a New York o altre città, hanno prenotato e pagato in anticipo l’alloggio tramite bonifico bancario o altri sistemi di trasferimento di denaro. Alla luce di simili episodi si consiglia di:verificare attentamente l’effettiva esistenza e affidabilità delle strutture ricettive e/o degli appartamenti che si intendono prenotare;effettuare i pagamenti anticipati delle prenotazioni solo mediante carta di credito e mai con bonifici bancari o con servizi di trasferimento di denaro;diffidare delle offerte di alloggio a costi inverosimilmente bassi.

Dati Paese
Capitale: WASHINGTON Popolazione: 310.930.000 Superficie: 9.372.614 Km2Fuso orario: da -6h sulla costa orientale a -9h su quella occidentale. Vige l’ora legale (eccetto in pochi Stati) ed in genere inizia due settimane prima e finisce una settimana dopo l’entrata in vigore in Italia.Lingua: inglese, spagnolo sempre più diffusoReligioni: prevalentemente confessioni cristiane cattolici e battisti in maggioranza). Sono presenti anche diverse altre religioni tra cui l’Islam, l’Ebraismo ed il Buddismo. Moneta: Dollaro statunitense (US$)Prefisso dall'Italia: 001Prefisso per l'Italia: 01139Telefonia: nel Paese è attiva la rete cellulare. Si può ricevere e chiamare anche con una scheda italiana. Le principali compagnie telefoniche attive sono: Verizon Wireless, AT&T Mobility, T-Mobile US e Sprint Corporation. Clima: ad eccezione dell'Alaska, dominata da caratteristiche climatiche subpolari, gli USA hanno un clima essenzialmente temperato che varia da zona a zona in rapporto sia alla vastità del territorio, sia alla sua conformazione (disposizione meridiana e periferica dei rilievi), sia alla sua apertura su tre distinti fronti marittimi. Con l'esclusione delle fasce costiere atlantica e pacifica, la vastissima area centrale è una specie di corridoio, ampiamente aperto a nord e a sud, agli alterni movimenti di due masse d'aria: la polare continentale, proveniente dal Canada, e la tropicale marittima, proveniente dal Golfo del Messico, che si spingono nell'interno del Paese. D'inverno l'aria polare, fredda e asciutta, può raggiungere le regioni meridionali, generalmente miti, arrecando anche improvvise gelate. D'estate l'aria tropicale calda e umida può spingersi fino alla zona dei Grandi Laghi, portando pioggia e banchi di nebbia.Peculiare è il clima della California, di tipo mediterraneo, con inverni miti ed estati calde. In inverno, come in estate, talvolta la costa è investita dal vento Santa Ana, secco e carico di polvere. Tali venti e le scarse precipitazioni causano - soprattutto nel periodo estivo, ma non solo - forti incendi, che colpiscono anche le zone abitate site nei pressi di foreste o folte vegetazioni. In considerazione delle elevate temperature dei mesi estivi e della siccità anche durante le altre stagioni, esiste un concreto rischio di focolai in Arizona, California e New Mexico.Si consiglia quindi ai connazionali che dovessero recarsi nelle aree interessate di:- consultare preventivamente i siti internet ufficiali dedicati agli incendi nella regione (www.wildlandfire.az.gov; www.fire.ca.gov/fire.ca.gov  www.newmexico.gov/New_Mexico_Wildfire_Alerts.aspx) per evitare le zone problematiche;- usare cautela negli spostamenti;- seguire le indicazioni delle autorità locali. Nel periodo estivo è opportuno evitare le zone desertiche a est e a nord est di Los Angeles e Phoenix, la città più assolata e torrida degli Stati Uniti.

Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese

A proposito di...

Los Angeles

Los Angeles (nome originario: Ciudad de la Iglesia de Nuestra Señora de Los Angeles sobra la Porziuncola de Asìs), è la più grande città della California e la seconda di tutti gli Stati Uniti d'America. Insieme a New York e Chicago è una delle tre metropoli più importanti del paese ed è un centro economico, culturale e scientifico di rilevanza mondiale. Diventata città il 4 aprile 1850 (cinque mesi prima che la California diventasse il trentunesimo stato dell'Unione), è il capoluogo dell'omonima contea. Al censimento del 2000, furono contati 3.694.820 abitanti. Nel 2004, venne stimata una popolazione di 3.845.541 persone. Los Angeles, con una superficie di oltre 1.200 chilometri quadrati, supera l'estensione di altre città, come New York o Chicago. Il suo centro si trova alle coordinate 34°03′00″N, 118°16′00″W a circa 270,5 miglia a sud-ovest da Las Vegas.

California (CA)

La California è uno stato situato nell'ovest degli Stati Uniti d'America e che si affaccia sull'Oceano Pacifico. Stato più popoloso e terzo più esteso degli USA, la California è sia fisicamente che demograficamente variegata. Il soprannome ufficiale dello stato è "The Golden State" (Lo stato d'oro, con riferimento alla corsa all'oro) mentre la sua abbreviazione postale è CA. La California meridionale è densamente popolata, mentre la California settentrionale, più vasta, è meno densamente popolata. La grande maggioranza della popolazione vive entro le 50 miglia (80 km) di distanza dall'Oceano Pacifico. Il nome deriva da Las sergas de Espladián (Le avventure di Spladian), un romanzo del XVI secolo di Garci Rodríguez de Montalvo, nel quale veniva descritta una isola paradisiaca di nome California.

Il primo Europeo a esplorare la costa californiana fu Juan Rodriguez Cabrillo nel 1542, seguito da Francis Drake nel 1579. A partire dal tardo 1700, i missionari spagnoli impiantarono minuscoli insediamenti su enormi concessioni di terreni nell'ampio territorio a nord della California spagnola propriamente detta (l'attuale Baja California). Dopo l'indipendenza del Messico dalla Spagna, le missioni californiane divennero proprietà del governo messicano e furono rapidamente dismesse e abbandonate. California era il nome dato alla parte nordoccidentale dell'Impero spagnolo nel Nordamerica. In seguito alla Guerra Messicano-Americana del 1847, la regione venne divisa tra Messico e Stati Uniti. La parte messicana, Baja (ossia bassa) California fu poi suddivisa negli stati della Baja California e Baja California Sur. La parte americana, Alta California, divenne lo stato USA della California nel 1850. Nel 1848, la popolazione di lingua spagnola della lontana alta California era di circa 4.000 persone. Ma dopo che venne scoperta la presenza di oro, la popolazione aumentò rapidamente grazie all'afflusso di americani e qualche europeo per la corsa all'oro. Venne fondata una Repubblica della California, con una sua bandiera che raffigurava un orso d'oro e una stella. La Repubblica giunse alla fine quando il Commodoro John D. Sloat della marina degli Stati Uniti entrò nella Baia di San Francisco rivendicando la California per gli Stati Uniti. Nel 1850, lo stato venne ammesso nell'Unione. Durante la Guerra civile americana, il supporto popolare rimase diviso tra i partigiani del Nord e quelli del Sud, e sebbene ufficialmente la California si schierasse con il Nord, volontari parteciparono alla guerra su entrambi i fronti. La connessione della costa pacifica con le già popolose metropoli dell'est arrivò nel 1869, con il completamento della prima ferrovia transcontinentale. I residenti intanto stavano inziando a scoprire che la California era molto adatta alla coltivazione di frutta e all'agricoltura in genere. Gli agrumi, in particolare le arance, vi crescevano rigogliosi e furono quindi gettate le basi per la prodigiosa produzione agricola dello stato al giorno d'oggi. Nel periodo 1900 - 1965 la popolazione, inizialmente di meno di un milione di abitanti, crebbe fino a far diventare questo stato il più popoloso nell'Unione, e guadagnando così il maggior numero di grandi elettori per le elezioni presidenziali. A partire dal 1965, la popolazione si trasformò fino a diventare una delle più varie dal punto di vista etnico nel mondo. La California è uno stato con tendenze liberali, avveduto tecnologicamente e culturalmente, centro mondiale nel campo dell'ingegneria, dell'industria cinematografica e televisiva e, come menzionato in precedenza, della produzione agricola degli Stati Uniti.

Geografia La California confina a nord con l'Oregon, a est con il Nevada, a sudest con l'Arizona, e a sud con lo stato messicano della Baja California, e a ovest è bagnata dall'Oceano Pacifico.

Street View
Video