Cool SUP spots!

Sei in: » Americhe » Costa Rica

Viaggiare Sicuri Costa Rica

Ultimo aggiornamento: 22/11/2022
Informazioni Generali

Indicazioni generali, ordine pubblico e criminalita'

Nel Paese sono notevolmente aumentate negli ultimi anni le attività delinquenziali e criminali (scippi, rapine a mano armata, truffe, furti nelle abitazioni e negli alberghi, furti con scasso di automobili, assalti) sia nella capitale che nelle località turistiche. In forte aumento anche gli omicidi che dall’inizio del 2018 hanno coinvolto diversi cittadini stranieri tra cui due italiani residenti nel Paese. Le Autorità ricollegano questa dinamica al diffuso fenomeno della tossicodipoendenza e, parallelamente, del traffico di droga.
Notevole l’incremento di furti dei documenti: i malviventi usano tecniche articolate come quella di bucare pneumatici delle autovetture dei turisti per poi offrire assistenza e quindi derubarli.
Attenzione particolare va adottata nei ristoranti comuni (soda), nei bar, nei centri commerciali e soprattutto sugli autobus pubblici.
Furti di valigie e di documenti si sono registrati anche all’arrivo di passeggeri presso gli aeroporti internazionali di San José e Liberia come alle stazioni di partenza ed arrivo degli autobus di linea. Si consiglia di prestare particolare attenzione nel famoso, anche per la sua pericolosità, terminal bus “La coca cola”.

Negli ultimi mesi del 2021 e nelle prime settimane nel 2022, si è registrato un significativo aumento dei casi di aggressioni a sfondo sessuale nei confronti di turiste diffuso in tutto il Paese e in particolar modo nelle località turistiche della costa caraibica (Puerto viejo de Talamanca, Limón) e pacifica (Santa Teresa, Montezuma). Si consiglia pertanto alle donne, soprattutto a quelle che viaggiano sole, di essere sempre vigili e attente durante il loro soggiorno specialmente nelle ore serali e notturne.


Rischio terrorismo

Il terrorismo rappresenta una minaccia globale. Nessun Paese può essere considerato completamente esente dal rischio di episodi ricollegabili a tale fenomeno.


Rischi ambientali e calamita' naturali

Durante la stagione delle piogge (orientativamente da giugno a novembre) il Paese è colpito da forti temporali e, talvolta, anche da uragani e si possono pertanto produrre forti disagi o situazioni di emergenza
Si raccomanda ai connazionali massima cautela e di evitare le zone ove maggiore potrebbe essere l'esposizione al rischio.

E’ opportuno informarsi prima della partenza sulla situazione meteorologica a destinazione, attraverso il proprio agente di viaggio e consultando direttamente il sito www.nhc.noaa.gov o quello della “Commissione Nazionale di Emergenza” (www.cne.go.cr) nonché in loco, attraverso gli organi di informazione, attenendosi scrupolosamente ai suggerimenti ed agli eventuali avvisi emessi dalle Autorità locali.
Per ulteriori approfondimenti consultare anche la voce l’Approfondimento di questo sito Consigli per sitiazioni di emergenza

Il Costa Rica è inoltre esposto a ricorrenti rischi sismici e vulcanici.
Il confluire di tre importanti faglie sotterranee (Caribe-atlantica, Coco-pacifica e Nazca-sudamericana) provoca non solo ricorrenti forti scosse di terremoto (come quello di Limon - Atlantico nel 1990, quella nelle vicinanze del vulcano Poas nel gennaio 2009, quella in Guanacaste nel settembre 2012, e la più recente nella Costa Pacifica, nelle vicinanze della località costiera di Jaco, novembre 2017), ma anche eruzioni vulcaniche (dal 2014 è ripresa l’attività del vulcano Turrialba). Sono frequenti le scosse, anche superiori ai 4/5 gradi della scala Richter.
Si ricorda a tale riguardo che sono attivi, anche se dormienti, alcuni tra i principali vulcani che circondano la “Valle Central” dove si trova la capitale San Josè. Per maggiori informazioni ed aggiornamenti si consiglia di consultare il sito http://www.cne.go.cr.


Aree di particolare cautela

Si raccomanda di evitare le aree isolate, in particolare le zone confinanti con il Nicaragua e il Guanacaste. Nell’area si sono registrati in passato anche episodi di sequestro di cittadini stranieri a scopo di estorsione.

Le località balneari isolate sono da evitare, per il pericolo di furti ed attacchi da parte di delinquenti comuni. Si raccomanda di non percorrere i litorali, soprattutto di notte, anche in autovettura, in particolare sulla costa del Pacifico (Tamarindo, Montezuma, Jacò) e sulle coste atlantiche (Limón-Cahuita-Manzanillo), dove, in passato, sono stati uccisi a scopo di estorsione alcuni cittadini stranieri e dove, anche in pieno giorno, sono frequenti furti di autovetture lasciate incustodite e di oggetti al loro interno.

Si segnala pure che solo cinque delle 640 spiagge del Costa Rica sono presidiate da bagnini professionali e addetti alla sicurezza. Si tratta delle spiagge di Bahia Ballena, Manuel Antonio, Tamarindo e Ventanas (sulla costa pacifica) e Playa Negra e Manzanillo (sulla costa atlantica). Poiché le correnti marine sono molto forti in numerose spiagge costaricane, si raccomanda particolare attenzione e di non allontanarsi eccessivamente dalla riva.

I parchi naturali sono da visitare preferibilmente accompagnati da guide autorizzate.

Il centro di San Josè va visitato con adeguata cautela, specialmente durante le ore serali e notturne: sono numerosi, infatti, gli scippi ed aggressioni ai danni di turisti.

Si raccomanda di prendere adeguate precauzioni in caso di pernottamento in piccoli alberghi eccessivamente economici e dotati di scarse misure di sicurezza, in particolare quelli situati nei quartieri centrali di San Jose’, dove intere zone presentano un tasso elevato di microcriminalità e sono frequentate, soprattutto nelle ore notturne, da spacciatori di droga;

Si sconsigliano le aree nei pressi dell’Università di Costa Rica, dove spesso vengono segnalate risse.


Avvertenze

Si consiglia ai connazionali di:

- registrare i dati del proprio viaggio su DOVESIAMONELMONDO;
- lasciare in custodia presso l’albergo (meglio se nelle cassette di sicurezza) biglietti aerei, denaro, gioielli (meglio sarebbe non portarli), altri valori e passaporto (portare con sé una fotocopia, dato che le Autorità ne consentono l’uso, in considerazione dell’alto numero di documenti originali rubati); va ricordato che, in caso di furto di passaporto, l’Ambasciata può emettere solo un documento di viaggio che, come già ricordato, non permette il transito sul territorio USA;
- effettuare cambi di valuta solo nelle banche, agenzie autorizzate o negli alberghi (in questi ultimi il tasso di cambio può essere tuttavia penalizzante);
- utilizzare solo taxi autorizzati (di colore rosso) e di colore arancione (questi ultimi in partenza e in arrivo dall’aeroporto internazionale) e, in caso di escursioni, autovetture e guide segnalate dall’albergo o da agenzie turistiche. Occorre evitare l’uso di taxi non ufficiali dato che si sono registrati episodi di violenza, talvolta conclusisi tragicamente, nei confronti degli utilizzatori portati fuori città;
- non parcheggiare le auto in posti isolati e non lasciare nell’auto oggetti di valore (videocamere, macchine fotografiche, ecc.) e documenti;
- non dare passaggi a persone sconosciute;

- rivolgersi preferibilmente a distributori di benzina o a negozi e non a sconosciuti incontrati per strada per ottenere informazioni su indirizzi o località turistiche;
- evitare la balneazione nelle spiagge del litorale pacifico più vicine alla capitale, in quanto sono stati segnalati come particolarmente inquinati dagli scarichi dei numerosi alberghi, centri commerciali e condomini recentemente costruiti;
- evitare le zone vicino alle paludi, alle foci e ai corsi dei fiumi (per l’eventuale presenza di coccodrilli ed altri animali pericolosi, che talvolta si spingono in mare);
- evitare le spiagge isolate. Va rilevato il potenziale pericolo in molte località balneari a causa di forti correnti marine che, in assenza quasi totale di un’adeguata segnaletica e di servizi di salvataggio, hanno provocato numerosi casi di annegamento. Si suggerisce di informarsi in loco di eventuali pericoli di correnti e risacche marine;

- non opporre resistenza in caso di rapina a mano armata e notificare appena possibile l’accaduto, prima alla polizia investigativa (Organizzazione di Investigazione Giudiziaria - OIJ ) e non soltanto alla Fuerza Publica e poi all’Ambasciata d’Italia.


Dati Paese

Capitale: San José

Popolazione:  5.069.929 (2020)

Superficie: 51.100 Km2

Fuso orario: -7h rispetto all'Italia; - 8h quando in Italia vige l'ora legale

Lingue: spagnolo (lingua ufficiale), inglese (diffuso). 

Religioni: in prevalenza cattolica. 

Moneta: Colón della Costa Rica (CRC) (1 USD =  673 Colones - aprile 2022).

Prefisso dall'Italia: 00506

Prefisso per l´Italia: 0039

Clima: temperato nella zona centrale con una temperatura media che va da 21 a 23 gradi, mentre il clima è più caldo e umido nelle zone costiere. Si riscontrano temperature più elevate sul versante pacifico con una media di 28 gradi. La stagione piovosa va da maggio a novembre (sul versante caraibico da ottobre a gennaio), mentre quella secca va da dicembre ad aprile. Durante la stagione delle piogge, il Paese è colpito da forti temporali e, talvolta, anche da uragani che provocano frequentemente alluvioni, straripamento di fiumi e smottamenti sulle strade. Questi fenomeni naturali potrebbero rendere inagibili, anche per lunghi periodi, strade e ponti specie sulle coste, con conseguente isolamento e disagio per abitanti e turisti.


Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese