Cool SUP spots!

Viaggiare Sicuri Saint Vincent e Grenadine

Ultimo aggiornamento: 29/07/2021
Informazioni Generali

Indicazioni generali, ordine pubblico e criminalita'

E' alto il rischio di atti di pirateria a danno di diportisti nelle acque delle isole prospicienti il Venezuela.
Nell’isola di St.Vincent la delinquenza sta assumendo proporzioni preoccupanti e si rivolge anche contro i turisti stranieri, fatti oggetto di assalti a scopo di rapina.
Sono stati inoltre segnalati casi di estorsione a danno di stranieri, anche con il coinvolgimento di addetti alla sicurezza.
Più tranquilla appare la situazione nelle Isole delle Grenadine, meta frequente di escursioni da diporto, dove non risultano a tutt'oggi fenomeni rilevanti di delinquenza.


Rischio terrorismo

Il terrorismo rappresenta una minaccia globale. Nessun Paese può essere considerato completamente esente dal rischio di episodi ricollegabili a tale fenomeno.


Rischi ambientali e calamita' naturali

Nel corso della stagione delle piogge (orientativamente da giugno a novembre) si  potrebbero verificare situazioni di forti disagi o di emergenza.
E’ opportuno informarsi prima della partenza sulla situazione meteorologica a destinazione, attraverso il proprio agente di viaggio e consultando direttamente il sito www.nhc.noaa.gov
Una volta in loco, si raccomanda massima cautela e di evitare le zone ove maggiore potrebbe essere l'esposizione al rischio, mantenendosi informati attraverso gli organi di informazione, ed attenendosi scrupolosamente ai suggerimenti ed agli eventuali avvisi emessi dalle Autorità locali.
Per ulteriori approfondimenti consultare anche la voce la sezione “Consigli per situazioni di emergenza”.


Aree di particolare cautela

Si sono registrati atti di pirateria, a volte conclusisi tragicamente, di cui sono state vittime turisti stranieri che ancoravano i propri natanti nella Baia di Cumberland (St.Vincent).


Avvertenze

Si consiglia di :
- registrare i dati del proprio viaggio su DOVESIAMONELMONDO;
- contattare, prima della partenza, l’Ambasciata o il Consolato d’Italia a Caracas competente per ottenere eventuali ulteriori suggerimenti cui attenersi. Si consiglia inoltre di segnalare la propria presenza al momento dell’arrivo nel Paese indicando recapiti in loco, periodo di permanenza, ecc.;
- evitare di portare con sé grosse somme di denaro contante, oggetti di valore o gioielli in oro. Si consiglia di lasciare i titoli di viaggio, il passaporto e tutto ciò che non è strettamente necessario nella cassaforte dell’albergo o in un luogo sicuro a causa dei frequenti furti e aggressioni;
- affidarsi a guide turistiche di provata esperienza qualora si intenda intraprendere escursioni nelle foreste tropicali, soprattutto a St.Vincent;
- evitare gite individuali o comunque viaggi non organizzati. Particolare cautela va osservata nelle aree prospicienti dirupi, corsi d'acqua e cascate che registrano un deflusso irregolare con repentine variazioni di portata;
- evitare di indossare maschere, sia per gli adulti che per i bambini, poiché potrebbe essere considerato offensivo nei confronti della popolazione locale.

Si segnala che l’uso di droni non è consentito per i privati mentre è permesso, solo su autorizzazione, per le troupe cinematografiche.


Dati Paese

Capitale: Kingstown
Popolazione: 102.350 abitanti.
Superficie: 389 km2
Fuso orario: -5 ore rispetto all’Italia; -6 ore quando in Italia è in vigore l’ora legale.
Lingue: inglese, francese patois.
Religione: Protestanti 75% (Anglicani 47%, Metodisti 28%); Cattolici 13%; altri (Hindu, Avventisti, altri Protestanti) 12%
Moneta: Dollaro dei Caraibi Orientali (ECD)
Prefisso dall’Italia: 001 784
Prefisso per l’Italia: 001139
Telefonia: La rete cellulare è attiva nel Paese
Clima: tropicale. Tendenzialmente la stagione delle piogge si estende da maggio a novembre con lievi variazioni di temperatura durante l’anno.


Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, per un periodo massimo di 90 giorni e un biglietto di ritorno o comunque di proseguimento del viaggio. Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare la sezione "Documenti di viaggio" di questo sito. 

Visto d’ingresso: necessario per un periodo di tempo superiore ai 90 giorni. Il visto di soggiorno viene apposto sui formulari distribuiti dalle Compagnie aeree.
Per ulteriori informazioni e chiarimenti si prega di far riferimento ai seguenti indirizzi, non essendo presente una Rappresentanza diplomatica di Saint Vincent and the Grenadines in Italia:
Governo di Saint Vincent and the Grenadines      
Kingstown
http://www.gov.vc/
 
Saint Vincent and the Grenadines Tourism Authority      

http://discoversvg.com/index.php/en

Formalità valutarie e doganali: non vi sono restrizioni per l’introduzione di valuta estera nel Paese ma è obbligatorio dichiararne l’ammontare. È possibile esportare gli importi introdotti e dichiarati. Per prelevare denaro contante in valuta locale sono a disposizione i bancomat del circuito Cirrus. I pagamenti con la carta di credito sono relativamente diffusi ma è consigliabile portare con sé contanti e “Travellers’ Cheques”.

Divieto di importazione: in base al regolamento (CE) n. 1036/2001, adottato il 22 maggio 2001, la Comunità Europea ha recepito la raccomandazione della CICTA riguardante il divieto d'importazione di tonno obeso proveniente da Saint Vincent e le Grenadine.

Viaggiatori con Animali (cani e gatti): animali domestici possono essere introdotti a Saint Vincent e Grenadine a patto che non siano usciti dal Paese di residenza nei precedenti 6 mesi, non vi siano stati casi di rabbia in tale Paese nell’ultimo anno, l’animale abbia il microchip ISO ed i seguenti vaccini: rabbia, cimurro, parvovirus, leptospirosi, epatite e parainfluenza. L’animale deve essere in buona salute ed essere stato oggetto di cure contro i parassiti. E’ ammesso l’accesso dei cani/gatti provenienti da barche private a condizione che non scendano dalle imbarcazioni.