Cool SUP spots!

Sei in: » Africa » Angola

Viaggiare Sicuri Angola

Ultimo aggiornamento: 01/09/2021
Informazioni Generali

Indicazioni generali, ordine pubblico e criminalita'

L’alto tasso di disoccupazione e le condizioni di povertà in cui vive ancora gran parte della popolazione a causa della crisi economica tuttora in essere, hanno determinato negli ultimi anni un forte aumento della criminalità, particolarmente a Luanda. Polizia e forze dell’ordine, pur ampiamente presenti sul territorio, non sempre riescono a contrastare il fenomeno.
Il fenomeno della criminalità esiste soprattutto a Luanda. Furti, scippi (in particolare cellulari, denaro e oggetti di valore), rapine a mano armata e sequestri di persona sono comuni in tutti i quartieri della città, in qualunque momento della giornata, anche nella zona balneare “Ilha de Luanda”, molto frequentata dagli stranieri.
Si raccomanda cautela soprattutto all’entrata o all’uscita da locali o ristoranti.

Nelle grandi città si raccomanda di evitare i quartieri periferici; nelle zone rurali, lontane dai centri abitati, si potrebbero riscontrare difficoltà nei soccorsi a causa delle distanze. Il rischio aumenta nelle ore notturne.


Rischio terrorismo

Il Paese condivide con il resto del mondo l’esposizione al fenomeno del terrorismo internazionale.


Rischi ambientali e calamita' naturali

Aree di particolare cautela

Si sconsigliano i viaggi non necessari nell’enclave di Cabinda, a causa delle possibili azioni di movimenti armati indipendentisti, che potrebbero aggredire gli stranieri, come d'altronde già fatto in passato. Se ci si trova a Cabinda,  si raccomananda di evitare assembramenti e manifestazioni attenendosi sempre alle indicazioni delle Autorità locali.
In generale, si raccomanda di evitare assembramenti e manifestazioni anche se i si trova in altre zone del Paese (assembramenti e manifestazioni derivanti da malcontento sociale sono possibili per esempio a Luanda e nei quartieri popolari).

Nonostante sia in corso un vasto programma di sminamento, l’Angola è ancora tra i Paesi con maggiore presenza di mine al mondo: le aree più pericolose sono concentrate nelle regioni interne più colpite dal conflitto (in particolare la provincia di Cuando Cubango). In tali aree sono presenti molte strade vietate alla circolazione, generalmente segnalate con appositi cartelli. Si consiglia di evitare di avventurarsi fuori strada se non si è sicuri del completo sminamento dell'area percorsa.
Si raccomanda di evitare le zone di confine con la Repubblica Democratica del Congo, dove possono svolgersi operazioni per l'espulsione di immigrati irregolari e dove sono in corso massicci trasferimenti di profughi in rientro da Lóvua verso la RDC.

Qualora si renda necessario avvicinarsi alla frontiera, si raccomanda di dirigersi esclusivamente verso i varchi ufficiali.
Si raccomanda pertanto di evitare viaggi non indispensabili nelle province di Lunda Norte e Lunda Sul, e comunque di segnalare preventivamente eventuali spostamenti all’Ambasciata.


Avvertenze

Si consiglia ai connazionali di:
registrare i dati relativi al proprio viaggio su DOVESIAMONELMONDO;
contattare l'Ambasciata d'Italia a Luanda (ambasciata.luanda@esteri.it; consolare.luanda@esteri.it) sia prima del viaggio che all’arrivo nel Paese, segnalando la propria presenza e gli eventuali successivi spostamenti sul territorio;
non effettuare escursioni turistiche in zone isolate senza essere sempre accompagnati da guide locali;
non fotografare edifici pubblici, soprattutto militari; chiedere sempre il permesso prima di fotografare le persone; i giornalisti, al momento della richiesta del visto di entrata, devono dichiarare la loro professione al fine di ottenere un apposito accreditamento che permetterà di effettuare riprese e fotografie nel Paese;
munirsi di fotocopia del passaporto (autenticata), del visto e delle carte di credito;
evitare per quanto possibile gli spostamenti a piedi, soprattutto se da soli e comunque non nelle ore notturne;
assicurarsi che i finestrini delle auto siano chiusi e le porte bloccate; se il veicolo ha l’apertura elettronica centralizzata, predisporre la sola apertura della porta del guidatore;
non parcheggiare il veicolo in zone isolate e guardarsi intorno prima di risalire a bordo;
non sostare a lungo all’interno dell’auto;
non portare al seguito grosse somme di denaro. Tenere comunque a disposizione un certo ammontare di kwanza da consegnare senza esitazione in caso di aggressione;
evitare di indossare gioielli, orologi o abbigliamento ricercato, per non richiamare l’attenzione;
usare molta prudenza nel prelevare denaro da distributori automatici, banche e uffici di cambio, aree nelle quali si appostano preferibilmente i rapinatori;
guardarsi intorno prima di entrare nel proprio alloggio, in particolare durante le ore notturne.
In caso di aggressione non opporre resistenza, ricordando che spesso gli aggressori dispongono di armi che non esiteranno ad usare; denunciare l’accaduto alla polizia locale e all’Ambasciata d’Italia;
l
a circolazione stradale è disordinata e a tratti pericolosa; la segnaletica stradale non è sempre adeguata, soprattutto nelle aree rurali; anche nelle città importanti, molte strade non sono illuminate; in caso di incidente stradale, anche di minima entità, si consiglia di raggiungere la più vicina stazione di Polizia.


Dati Paese

Capitale: LUANDA
Popolazione: 30.000.000  circa
Superficie: 1.246.700 km2
Fuso orario: stessa ora rispetto all'Italia; 1 ora in meno quando in Italia vige l'ora legale.
Lingua: lingua ufficiale portoghese, lingue nazionali umbundo, kimbundo, kikongo, chokwe, mbunda, luvale, nhanheca, gangela
Religioni: cattolica, protestante e culti tradizionali
Moneta: Kwanza  (AOA)  cambio ufficiale di luglio 2021  della Banca Centrale angolana (1 euro = 753 AOA) i Kwanza possono essere acquistati in agenzie di cambio ad un cambio più favorevole rispetto a quello offerto dalle banche.

Prefisso per l'Italia: 0039
Prefisso dall'Italia: 00244
Telefonia: vi sono due reti fisse pubbliche, Angola Telecom ed MS Telecom, e due reti private di telefonia mobile, Unitel e Movicel, che coprono i principali centri abitati. Entrambe hanno accordi di roaming con il sistema italiano.
 
Clima: in tutto il Paese vi sono due stagioni: quella secca, denominata cacimbo (inverno, dal 15 maggio al 15 agosto), più fresca, con temperature medie di 23-24° C che possono scendere sino ai 5-10°C nelle zone più interne ed elevate dell’altopiano; quella delle piogge (das chuvas, estate), con una concentrazione delle precipitazioni soprattutto in due periodi, dicembre-gennaio e marzo-aprile, caratterizzata da temperature medie di 27-28°C.
La temperatura media annuale a Luanda è di 25°C.
La costa ha un’umidità media dell’85% ed una temperatura media annuale superiore ai 23°C; le regioni settentrionali sono caratterizzate da abbondanti precipitazioni e clima tropicale, più umido rispetto a quelle meridionali e dove si registrano temperature più basse nei mesi invernali; nelle zone dell’altopiano la stagione è più secca con temperature più basse mentre il sud-ovest è meno umido.

 


Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi e con almeno una pagina bianca fronte e retro. Si segnala inoltre che per ottenere il visto di lavoro, ricongiungimento familiare o di residenza, è consigliabile che il passaporto abbia almeno due pagine libere e una validità minima di un anno.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento di questo sito Documenti di viaggio - Documenti per viaggi all’estero di minori.

Visto d’ingresso: obbligatorio per il passaporto ordinario, mentre per il passaporto diplomatico e di servizio non è necessario il visto per soggiorni di breve durata (90gg ogni semestre).

Visto ordinario: rilasciato per motivi familiari, di viaggio, scientifici, d’affari, o per turismo. Di norma è valido per un’entrata e permette il soggiorno nel Paese per un periodo massimo di 30 giorni (rinnovabile in loco, a pagamento, presso il Servizio emigrazione stranieri).
L'Angola prevede per il rilascio del visto il rilevamento delle impronte digitali. E´ pertanto necessario recarsi di persona all’Ambasciata angolana a Roma almeno 15-20 giorni prima della data di partenza. Parziale eccezione per quanto riguarda il visto turismo, che da marzo 2018 può anche essere rilasciato alla frontiera, previa compilazione di un modulo online, senza passare dall'Ambasciata di Angola a Roma. Considerata l'emergenza sanitaria e le restrizioni ai viaggi tuttora vigenti è fondamentale in ogni caso informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato angolano competente o presso il proprio Agente di viaggio.

Visto di lavoro: permette l’ingresso nel Paese per esercitare una specifica attività lavorativa; esso consente l’ingresso multiplo nel territorio angolano e permette il soggiorno sino ad un anno, prorogabile in base alle necessità. Deve essere utilizzato entro 60 giorni dalla sua concessione. L’Ambasciata dell’Angola a Roma invia la richiesta allo SME (“Serviço de Migração  e Estrangeiros”, dipartimento del Ministero dell’Interno), che impiega un tempo minimo di 3 mesi  per la risposta. Il visto è valido per un periodo di tempo specifico secondo le leggi del Governo angolano.

Visto di transito: concesso a coloro che devono transitare per l’Angola per giungere alla destinazione finale. Ha una durata massima di 5 giorni e deve essere utilizzato entro la data indicata sul visto.
Soggiornare in Angola con il visto scaduto comporta una multa relativamente alta e il fermo di polizia.

Visto di breve durata: l'Ambasciata angolana a Roma rilascia anche tipologia di visto di breve durata “Short Visa” , che può essere rilasciato in 48 ore per soggiorni di 7 giorni. Per maggiori informazioni in merito si consiglia di consultare il sito dell’Ambasciata angolana a Roma www.ambasciatangolana.com.
 
Formalità valutarie e doganali: per i cittadini stranieri che non risiedono in Angola è obbligatorio denunciare all’ingresso del Paese il possesso di valuta straniera per un ammontare superiore a USD 5.000 a persona; tale soglia è di USD 1.500 per i minorenni. La dichiarazione doganale che viene rilasciata è l’unico strumento che autorizza ad uscire dal Paese portando con sé una quantità di valuta pari o inferiore a quanto dichiarato all’ingresso. E’ proibito uscire dall’Angola con più di 50.000 Kwanza (circa 65 euro al cambio di luglio 2021).
Si consiglia di portare con sé euro o dollari USA, soprattutto quelli di ultima serie. Il cambio va effettuato sempre in banca o presso gli uffici di cambio autorizzati; il cambio nero, cioè effettuato, per strada è illegale e pericoloso. Gli orari delle banche sono i seguenti: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 15.00. Le carte di credito, ancorché in rapida diffusione presso i maggiori centri commerciali e nei grandi alberghi, non sono accettate ovunque.