Cool kitesurfing spots!

Sei in: » Oceania » Fiji

Viaggiare Sicuri Fiji

Ultimo aggiornamento: 25/08/2021
Informazioni Generali

Indicazioni generali, ordine pubblico e criminalita'

La situazione nelle Isole Fiji si è stabilizzata all’indomani delle prime elezioni democratiche del settembre 2014 che hanno fatto seguito a 5 anni di potere militare.


Rischio terrorismo

Il terrorismo rappresenta una minaccia globale. Nessun Paese può essere considerato completamente esente dal rischio di episodi ricollegabili a tale fenomeno.


Rischi ambientali e calamita' naturali

Le Figi sono situate in una zona sismica. Il pericolo di tsunami è considerato di basso livello. In caso di sisma, si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle misure impartite dalle Autorità locali.

Durante la stagione delle piogge (novembre-aprile) vi è il rischio di fenomeni ciclonici, inondazioni e frane, con disagi o situazioni di emergenza. E’ opportuno informarsi prima della partenza sulla situazione meteorologica a destinazione, attraverso il proprio agente di viaggio e consultando direttamente il sito  http://www.met.gov.fj/international_warn.htm
 nonché in loco, attraverso gli organi di informazione, attenendosi scrupolosamente ai suggerimenti ed agli eventuali avvisi emessi dalle Autorità locali.
Si raccomanda di consultare attentamente i “Consigli per le situazioni di emergenza” disponibili su questo sito.


Aree di particolare cautela

Avvertenze

Si consiglia ai connazionali di:
- registrare i dati del proprio viaggio su DOVESIAMONELMONDO e contattare, prima di partire per il viaggio, l’Ambasciata d’Italia a Canberra e il Console Onorario a Lautoka;
- prestare attenzione nel guidare
automezzi (guida a sinistra), soprattutto di notte, a causa della scarsa illuminazione e dello stato delle strade;
- usare la massima cautela nel praticare gli sport acquatici o avventurosi dato che gli standard di sicurezza possono essere molto bassi;
- custodire documenti e valori nelle casseforti degli alberghi.


Dati Paese

Capitale: Suva
Popolazione: 849.500
Superficie: 18.270 kmq
Fuso orario:
+11 ore (autunno-inverno in Italia),  +10 (durante l’ora legale in Italia)
Lingue: figiano, hindi, inglese
Religione: cristiana (53%), hindu (38%), mussulmana (8%)
Moneta: il dollaro delle Figi (FJD). Tasso di cambio: 2,329 per euro (giugno 2015)
Telefonia: attiva
Prefisso telefonico dall’Italia: 00679
Clima: il clima è tropicale, temperato dai venti di sud-est e senza notevoli sbalzi di temperatura. La temperatura a Suva, la capitale, varia da una media di 26 gradi in luglio-agosto, ad una media di 30 gradi in gennaio, febbraio e marzo.


Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, con almeno sei mesi di validità.
Viaggi all’estero dei minori:
si prega di consultare la sezione Documenti di viaggio -Documenti per viaggi all'estro dei mionori di questo sito. 
Visto di ingresso: non e’ necessario il visto per soggiorno turistico fino a 120 giorni (informazioni per soggiorni più lunghi su www.immigration.gov.fj)
Formalità valutarie e doganali: i passeggeri hanno diritto di importare in esenzione beni di valore non superiore a 400 dollari figiani. I maggiori di 17 anni possono importare 2 litri di liquori o 4 di birra o vino; 500 sigarette o prodotti a base di tabacco non oltre 500 grammi netti.
Divieto di importazione: armi, droga, prodotti agroalimentari.
Limitazione di esportazione: armi, droga.
Viaggiatori con animali (cani e gatti): portare animali domestici a Figi e’ severamente controllato. Si suggerisce di contattare il Ministero dell’Agricoltura di Figi almeno sei mesi prima del previsto soggiorno.
Matrimonio nelle Isole Figi: molti cittadini
italiani, residenti in Italia, scelgono di sposarsi nelle isole Figi. Per poter contrarre matrimonio nelle Figi occorre chiedere le pubblicazioni di matrimonio presso il Comune di residenza in Italia. Una volta arrivati a Figi gli sposi devono avanzare formale richiesta di matrimonio alle autorità locali almeno due settimane prima della data prescelta per il rito. Gli Uffici di stato civile (Registrar’s Office) a ciò abilitati sono situati nelle città di Suva, Nadi, Lautoka e Savusavu. All’istanza, da presentarsi preferibilmente immediatamente dopo l’arrivo, dovrà essere allegato il certificato di nascita di ciascuno degli sposi (è preferibile richiedere al Comune il certificato di nascita redatto su modello internazionale plurilingue che non richiede di essere tradotto), oltre al certificato di stato libero. Per maggiori approfondimenti si rimanda al seguente link http://www.fijiembassydc.com/default.asp?contentID=529.
Per poter essere trascritto in Italia il certificato di matrimonio figiano dovrà essere legalizzato dal Ministero degli Affari Esteri della Repubblica di Figi (uffici a Suva, Lautoka o Nadi) tramite l'apposizione della "apostille" ai sensi della Convenzione dell'Aja del 5 ottobre 1961. Una volta legalizzato il certificato dovrà essere trasmesso all’Ambasciata d’Italia in Canberra che provvederà a tradurlo e legalizzarlo per la relativa trascrizione in Italia.