Cool surfing spots!

Viaggiare Sicuri Croatia

Ultimo aggiornamento: 25/04/2022
Informazioni Generali

Indicazioni generali, ordine pubblico e criminalita'

Non si segnalano al momento particolari criticità in relazione all’ordine pubblico.


Rischio terrorismo

Il terrorismo rappresenta una minaccia globale. Nessun Paese può essere considerato completamente esente dal rischio di episodi ricollegabili a tale fenomeno.


Rischi ambientali e calamita' naturali

Il paese è ad alto rischio sismico, come tutti i Balcani.

Due violenti terremoti hanno colpito la Croazia nel 2020, il primo in marzo a Zagabria, il secondo a dicembre nella zona di Petrinja, nella regione di Moslavina, a circa 40 km a sud-est della capitale, dove si sono registrati vittime, dispersi e danni agli edifici, in particolare a Petrinja. Ingenti danni sono stati causati anche nella città limitrofa di Sisak. A Zagabria due ospedali cittadini, Klaiceva e Petrova, sono stati dichiarati inagibili.


Aree di particolare cautela

Si segnala la persistenza di aree del Paese non ancora del tutto bonificate da ordigni quali mine antiuomo e bombe inesplose, risalenti al conflitto inter-jugoslavo. Nonostante l’opera di bonifica, si stima che tali aree coprano un’area complessiva di circa 368 kmq. Sebbene la gran parte dei campi minati siano di norma segnalati e delimitati da apposite recinzioni, permangono alcune zone, soprattutto in aree boschive e collinari, prive di segnalazione.
La presenza di campi minati è ma
ggiore nei dintorni di Karlovac, in Slovonia e nella Dalmazia interna. In Dalmazia la maggiore diffusione di mine è segnalata nelle aree interne delle quattro Contee di Zara, Sebenico, Spalato e Ragusa (Dubrovnik).
Una situazione aggiornata su base settimanale dello stato di sminamento del territorio è reperibile sul portale realizzato dal Centro Croato per lo Sminamento all’indirizzo https://misportal.hcr.hr.
L’autostrada per Belgrado è da considerarsi ancora zona di cautela nel tratto vicino al confine croato-serbo, soprattutto a causa degli attigui ed estesi campi minati.


Avvertenze

Si consiglia ai connazionali di:
- registrare i dati del proprio viaggio su DOVESIAMONELMONDO
;
-
esercitare le normali misure di cautela in relazione a possibili episodi di microcriminalità;
- prestare particolare attenzione ai casi di contestazioni sui prezzi praticati per il consumo di cibi e bevande, soprattutto alcoliche, si raccomanda quindi di accertare preventivamente il costo delle consumazioni;
- non allontanarsi dalle principali arterie di viabilità e dalle strade stracciate nelle aree a rischio.
- in caso di compravendita di immobili, si raccomanda di consultare un valido legale prima dell’acquisto, in particolare ai fini della verifica della situazione catastale e di proprietà dell’immobile, diffidando di proposte immobiliari apparentemente vantaggiose che potrebbero nascondere tentativi di truffa. Dal 1° febbraio 2009 i cittadini dell’Unione Europea possono acquistare immobili senza restrizioni, alle stesse condizioni dei cittadini croati.
Per le imprese che svolgono attività di pesca si raccomanda di fare attenzione agli sconfinamenti in acque territoriali croate.


Dati Paese

Capitale: Zagabria
Popolazione:
3.888.529 (Censimento 2021)

Superficie: 56.594 Km2
Fuso orario:
stessa ora italiana (si applica l’ora legale)  
Lingue croato. L’italiano è molto diffuso sulla costa in Istria, nel Quarnero e in Dalmazia. Nelle principali città costiere dell’Istria vige il bilinguismo (italiano e croato). Nella capitale e nei centri turistici costieri è diffusa la conoscenza dell’inglese e, in parte, del tedesco
Religione: prevalentemente cristiana cattolica con minoranze di cristiani ortodossi e musulmani.
Moneta: Kuna (HRK). Una kuna è divisa in cento (100) lipe. Un euro vale circa 7,4 kune.
Prefisso telefonico dall’Italia: 00385

Telefonia: è presente copertura telefonica su tutto il territorio croato.
Clima: continentale, con forti escursioni termiche; clima mediterraneo sulla costa.


Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese