Sei in: » One Eye

Come arrivarci da:
Le Morne One Eye

Sinistre regolari da 1 a oltre 5 metri talvolta tubanti che srotolano a velocità incredibili. Attenzione perché qui l'onda si frange sul reef tagliente, quindi occhio! Un'altra raccomandazione che mi sento di suggerire è di stare lontani dall'ultima sezione dell'onda, in genere riservata ai surfisti da onda che, se non rispettati, con le loro urla imprecano tutti i santi

On the peninsula of le morne , between Le Berjaya and indian resort. Accommodation at lagaulette, www.apartmentmauritius.com or carpdi@intnet.mu


Quando andare

From June to November more infos providing a shallow and safe environment and allows downwind glides to Le Morne. The Le Morne spot is the winner of all spots of Mauritius. Due to the landscape that strongly boosts the prevailing South-Easterly winds in winter and due to a very specific and local thermal wind in summer, this spot offers ideal conditions through out the year.


Ricettivita'

info a Ivan Chez Jacques. Vive e lavora a Tamarin bay


A proposito di...

Port Louis

Port Louis

Port Louis è la capitale delle isole Mauritius. Conta 150.000 abitanti ed è situata sulla costa a nord ovest dell’isola. Alle sue spalle c’è la catena montuosa del Moka. Affacciata sull’Oceano Indiano, è caratterizzata da un clima tropicale mitigato. Nella stagione che parte da aprile a settembre le temperature raggiungono in media i 28-30 gradi.

La lingua ufficiale è l’Inglese, la moneta è la rupia di Maurizio e la religione ufficiale è l’induismo. Una curiosa caratteristica, è che le vie cittadine hanno due nomi: uno ufficiale, l’altro tradizionale. Si caratterizza per la cordialità della sua gente e per la commistione nello stresso territorio di edifici moderni, centri dell’amministrazione insulare, (a capo di nove distretti: Rivière du Rempart, Savanne, Plaines Wilhems, Grand Port, Flacq, Rovière Noire, Pamplemousses, Moka, oltre a 21 altre isole circostanti), e strutture agricole, deputate alla lavorazione della canna da zucchero, oltre che alla sua coltivazione.

Nelle zone a ridosso della catena montuosa del Moka, verso l’entroterra dell’isola, sono sterminati gli altipiani che ospitano colonie di bestiame, il cui allevamento costituisce il terzo introito nazionale dopo l’agricoltura e il turismo. La zona industriale raccoglie anche opifici per la produzione di birra e lavorazione dei cereali e del malto, perfettamente sposati con le strutture in crescita per il turismo e le suddette strutture amministrative. I negozi che si trovano in centro sono lussuosi e relativamente costosi.