Gli attacchi HARD da snowboard

11-01-2005
Bindings
Il sistema HARD viene solitamente utilizzato su tavole alpine o freecarve ed alloggia ovviamente solo scarponi hard. In molti (me compreso), provenendo dallo sci, si è optato inizialmente per tavole pseudo-alpine con attacchi hard, al fine di riutilizzare i buoni vecchi scarponi da sci e risparmiare qualcosina. Oggigiorno esistono appositi scarponi rigidi (simili a quelli da sci) specificamente studiati per lo snowboard che permettono un miglior controllo ed impostazione nella surfata. Indubbiamente è l’attacco per riders da pista amanti di carving al limite ma anche per chi ama il backcountry e l’alpinismo, in particolar modo la discesa su pendii estremi con pendenze anche sopra i 60°, l’attacco hard è un ottimo compagno; solo l’hard garantisce infatti il controllo e la risposta che queste situazioni richiedono. Inoltre gli attacchi hard montano scarponi da alpinismo e scialpinismo: calzature ben più votate alla pratica del backcountry e dell’alpinismo di quanto non lo siano spesso gli scarponi soft. Personalmente in backcountry preferisco l’elasticità e la versatilità dei soft abbinati a tavole freeride anche se a scapito dell’immediatezza di risposta nella surfata e della tenuta in camminata su nevi compatte (consultate in proposito la sezione tecnica di salita).



Al momento della scelta, se si è indirizzati verso un attacco hard bisogna essenzialmente tenere presente alcuni fattori basilari:

Base:
Valgono le considerazioni fatte per i soft ma si deve porre particolare attenzione alle dimensioni di ingombro della base onde evitare, dovendo montare l’attacco su strette tavole alpine, di risultare molto limitati nella regolazione dell’angolo di surfata. Va infatti specificato che gli attacchi hard vengono sempre montati con angolazioni molto spinte, sia per non fuoriuscire dal perimetro della tavola che per favorire una miglior spinta sulla lamina che, per tavole alpine, scava il solco della carvata.

Disco di Fissaggio:
Oltre alle considerazioni fatte per i soft ponete particolare attenzione alla compatibilità con la boccolatura ed alla possibilità di regolazione dell’angolo di surfata. Trattandosi di un attacco per il massimo controllo è inoltre fondamentale controllare che il disco si sposi perfettamente e senza giochi con la base.

Leva di Fissaggio:
Controllate che l’apposita leva per il fissaggio dello scarpone sia di materiale robusto e di pratico utilizzo; con i guanti una levetta troppo piccola può essere un gran limite.

Regolazioni:
Per garantire la massima elasticità di utilizzo dell’attacco su scarponi con dimensioni differenti è buona norma considerare attacchi provvisti di sistema di regolazione di lunghezza del piede, siano essi a slitta, ad inserti o quant’altro.

Archetti per tallone e punta:
E’ su questi elementi che si scarica tutta la spinta orizzontale della nostra surfata; controllate quindi che siano robusti e ben fissati alla base onde evitare spiacevoli sorprese nel carving.

Pads:
Mantenendo il piede più alto sulla tavola permettono di recuperare qualche grado per le spianate in carving e permettono una leva maggiore sulla lamina garantendo quindi miglior controllo e tenuta su nevi compatte. Alcuni modelli presentano pads in gomma dura per attutire le vibrazioni su nevi ghiacciate, altri preferiscono il metallo a giovamento di una risposta immediata.
Gli attacchi HARD da snowboard
Gli attacchi HARD da snowboard