Tipologie Attacchi da Snowboard

11-01-2005
Bindings
Gli attacchi vengono spesso sottovalutati al momento dell’acquisto dell’attrezzatura ma è attraverso l’attacco che passano tutti gli impulsi che si trasmettono alla tavola. Proprio per questo dedicheremo molto spazio a questa sezione che reputiamo fondamentale. Parleremo di:

Principali tipologie
Approfondimento delle differenti tipologie
Guida al montaggio degli attacchi
Guida all’acquisto

Nel primo punto verrà fatta una breve panoramica sulle differenti tipologie di attacco per snowboard presenti in commercio; tali tipologie verranno descritte in dettaglio nel secondo punto; infine, nel terzo punto, verrà riassunto quanto detto per aiutarvi a scegliere l’attacco che meglio risponde alle vostre esigenze.

1) Tipologie di attacchi
Ai primordi dello snow, uno dei problemi principali era fissarsi la tavola ai piedi. Inizialmente si adoperavano straps simili a quelle per windsurf ma la scomodità portò l’attenzione subito sugli attacchi rigidi che permettevano di agganciare scarponi da sci o da alpinismo senza troppe difficoltà. Si formarono le due scuole: quella hard e quella soft. Chi non aveva mai sciato sosteneva che la tavola soft sarebbe stata il futuro dello snow, chi invece usava già gli sci, era più propenso ad avvicinarsi all'attacco hard per via degli scarponi.

Passa il tempo e lo snowboard prende piede e si diffonde anche nelle nostre Alpi. Le case produttrici di sci spostano lentamente l’attenzione su questa nuova disciplina e dalla stimolante concorrenza nascono nuove soluzioni soft molto affidabili e robuste. Negli ultimi anni si arriva addirittura alla "convergenza" tra hard e soft con la nascita dei nuovi step-in: attacchi ad aggancio immediato come gli hard ma in grado di montare scarponi soft.

In commercio attualmente si possono quindi trovare principalmente tre tipologie di attacco:
SOFT
HARD
STEP-IN

Soft
Gli attacchi SOFT sono senza dubbio i più diffusi perché garantiscono buone prestazioni per tutti i tipi di utilizzo (all terrains): sono concepiti per tavole freestyle-freeride, non deludono in pista e sono ideali per il backcountry. Questo tipo di attacco si abbina ovviamente a scarponi SOFT ed è consigliato per tutti coloro che si avvicinano alla snò data la morbidezza nella risposta che perdona i primi grossolani errori. Per contro tale morbidezza porta sicuramente un minor controllo di lamina rispetto agli hard su nevi compatte o pendii estremi.

SEGUE DETTAGLI




Hard
Nato inizialmente come anello di passaggio tra sci e snowboard si è poi specializzato per le tavole alpine, si aggancia a scarponi da sci (in molti abbiamo cominciato così), da scialpinismo o ad appositi scarponi hard da snò. E’ in grado di garantire rapidi cambi di lamina e quindi di direzione data l’immediata trasmissione alla tavola dell’impulso proveniente dal piede. Questo è il motivo per cui viene montato su tavole da pista (alpine) e su tavole di riders estremi (per pendenze anche maggiori di 60°) , dove il controllo è fondamentale. Generalmente viene montato con gradi molto accentuati per non far sporgere punte o talloni dalle strette tavole alpine e permettere quindi carving al limite dell’impossibile.
SEGUE DETTAGLI


Step-In
Questo tipo di tecnologia prevede un aggancio diretto alla suola dello scarpone; possiamo dire che rappresentano una via di mezzo tra le due tecnologie sopra descritte poiché coniugano la libertà di movimento di un normale SOFT con una buona risposta agli impulsi e la semplicità di aggancio tipica degli HARD. Anche questa soluzione soddisfa le esigenze del backcountry; le moderne split board montano attacchi step-in. La vasta gamma di modalità d’aggancio presenti sul mercato e la mancanza di standard fra le varie marche, costringe tuttavia ad acquistare in coppia scarponi ed attacchi; dettaglio da non sottovalutare se con quegli scarponi vogliamo salire almeno 1000 metri di dislivello. SEGUE DETTAGLI



Tipologie Attacchi da Snowboard
Tipologie Attacchi da Snowboard