Kitesurf - Leash per la tavola: s o no?

26-03-2010
Didattica

Prima di proseguire oltre è bene fare subito una precisazione: il leash può essere pericoloso, se usato senza il caschetto di protezione, per questo ne viene spesso sconsigliato l’uso. Il motivo è semplice: durante una caduta in acqua, la vela spesso continua a tirare (anche se per poco) e la tavola legata con una corda elastica può ingavonarsi per poi fiondarsi proprio verso la testa del kiter, che affiora dall’acqua.

Usando un casco il problema viene risolto.

Molti leash di ultima generazione sono progettati proprio per evitare l’effetto fionda, quindi usati in abbinamento con il casco di protezione dovrebbero evitare ogni problema.

In ogni caso il leash deve essere sufficientemente lungo da non impedire le manovre, ma non troppo per non dare fastidio durante le navigazione. Per questo motivo i leash di ultima generazione sono avvolgibili (funzionano un po’ come il guinzaglio di fido!).

Per collegare il leash alla tavola, molto spesso è presente un foro apposito, ma nel caso in cui questo sia assente è possibile attaccare il leash alla maniglia o alle strep, sebbene questa non sia la soluzione ideale (potrebbero spanarsi le viti o nel peggiore dei casi generarsi un pericoloso “effetto deriva” che tende a trascinare la tavola verso il fondo).

E' bene ricordare che il leash deve essere collegato al trapezio (MAI alla caviglia), possibilmente ad uno degli appositi anelli in acciaio (quello non occupato dal leash dell’ala).

 

Il nostro consiglio è di usarlo se non vi sentite ancora sicuri di riuscire a recuperare la tavola, perché può sicuramente evitarvi di lasciare in mare un piccolo patrimonio… ma MAI SENZA CASCO, perché sono davvero troppi gli amici e conoscenti che si sono dovuti far ricucire dopo aver preso la tavola in testa!

Kitesurf Leash
Kitesurf Leash