Sei in: » Adamello

Come arrivarci da:
Passo del Tonale AdamelloGli impianti di risalita e le relative piste da sci del Passo del Tonale, ghiacciaio Presena, Pontedilegno e Temù, rappresentano oggi una delle realtà più moderne ed attrezzate per lo sci alpino e lo snowboarding dell´intero arco Alpino. Grazie a 100 chilometri di piste da sci, 30 moderni impianti di risalita ed un sistema di innevamento programmato in grado di coprire il 100% delle piste disponibili, la neve durante l´inverno nel comprensorio AdamelloSki è assicurata. Oltre a tantissime piste da sci che attraversano tre tipici ambienti alpini ambiente boschivo, di alta montagna e ghiacciai il comprensorio AdamelloSki è rinomato anche e soprattutto per la sua ricchissima offerta Freeride che offre a tutti gli appassionati incredibili percorsi in fuoripista di tutte le difficoltà e tipologia. Da quest´anno inoltre, l´offerta AdamelloSki si arrichisce di un nuovo prodotto dedicato agli amanti del mondo freestyle: Adamello Freestyle Arena.

ADAMELLOSKI IN CIFRE:
• 100 chilometri di piste.
• 30 impianti di risalita di cui 3 cabinovie, 19 seggiovie, 7 sciovie, 1 slittinovia.
• 2 snowpark tra cui 1 Burton Progression Park.
• 1 pista boardercross di oltre 1000 metri di lunghezza.
• 100% innevamento programmato su tutte le piste.
• 1800 metri di dislivello sci ai piedi.
• 12 chilometri per un´unica discesa: una delle piste più lunghe dell´intero arco Alpino.
• 14 ristoranti e apres-ski sulle piste.
• 6 itinerari freeride e sci alpinistici per oltre 2200 metri di dislivello complessivi.

SCHEDA TECNICA ADAMELLO FREESTYLE ARENA
• Altitudine: 1890m. - 2015m.
• Dislivello: 125m.
• Impianto di risalita: seggiovia quadriposto a sganciamenteo automatico “Valena”.
• Tempo di risalita: 170´´
• Lunghezza: 820m.
• Larghezza max: 260m.
• Lavori in terra: in parte
• Innevamento programmato: SI 100%
• Manutenzione: giornaliera con 2 shaper ed un gatto K400 dedicato.
• Sicurezza: recinzione completa, casco obbligatorio, segnaletica variabile interna.
ADAMELLO FREESTYLE ARENA
Lungo la seggiovia quadriposto Valena al Passo del Tonale, da quest´anno è presente un intero mondo dedicato agli amanti del freestyle sulla neve: l´Adamello Freestyle Arena in grado di offrire ai propri ospiti un vero e proprio “parco dei divertimenti” in neve composto da: Snowpark + Burton Progression Park + Boardercross. Lo Snowpark è interamente realizzato lungo la seggiovia Valena ed è composto da 6 table di diversa forma e misura per un totale di oltre 15 strutture tra cui: 8 kicker, 5 box, 2 rail, 1 wall-ride, 1 gunner ed molto altro ancora. Tutte le strutture presenti all´interno dello Snowpark sono suddivise per gradi di
difficoltà: easy size, medium size e big size.
Lo Snowpark del Passo del Tonale è aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00 salvo condizioni di maltempo che non garantiscono le condizioni minime di sicurezza dell´intera area.

A proposito di: Trento (TN) (Trentino Alto Adige)

Trento è un comune di 110.142 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia nonché della regione Trentino-Alto Adige.
Trento si sviluppò come insediamento retico di fondovalle. Nonostante non esistano a tutt'oggi certezze sull'influsso che le tribù autoctone retiche subirono da altre popolazioni antiche, è molto probabile che la Valle dell'Adige, sentiero di transito nord-sud, abbia permesso frequenti scambi culturali con i Veneti, gli Etruschi, i Cimbri e quasi certamente Galli, popolazione celtica. La conquista romana, dopo diversi scontri con le tribù retiche, avvenne verso la fine del primo secolo a.C.. Trento, sorta già prima della conquista come accampamento militare romano, venne battezzata Tridentum. In periodo augusteo il ruolo strategico della città crebbe, essendo l'Impero impegnato in una serie di operazioni militari nell'arco alpino. Trento si sviluppò a partire da una pianta quadrangolare, delimitata da un lato dal fiume Adige, mentre dagli altri tre lati era circondata da mura e fossati, con torri quadrangolari e porte per l'accesso. Le vie cittadine si svilupparono in maniera ordinata, parallelamente all'impianto del cardo e del decumano secondo i principi dell'urbanistica romana. Tridentum era dotata di tutte le infrastrutture proprie di un importante centro romano: era presente un foro, un anfiteatro e una zona adibita alle sepolture all'esterno alle mura della città. Era inoltre un importante snodo viario: situata lungo la via Claudia Augusta Padana, da Trento partiva anche la via Claudia Augusta Altinate che attraverso la Valsugana collegava la città con il Veneto. Nonostante la difficile situazione politica venutasi a creare con la crisi politica dell'Impero, Trento rimase anche nel IV e nel V secolo il centro economico, commerciale e militare della regione.