Sei in: » Carloforte

Come arrivarci da:
Sulcis > Isola di S.Pietro > Carloforte

Bellissimo con il SUP lungo tutto il suo perimetro. Piacevole in windsurf uscendo dal Giunco su fondo sabbioso. Essendo un’isola (nell’isola) è praticabile con tutti i venti e tutto l’anno. Famoso e tutt’ora inviolato il famoso ondone tra l’isola Piana e la terraferma di Portovesme in presenza di forte Maestrale.


Info

carloforte

La costa settentrionale e occidentale è la più selvaggia ed incontaminata. E' caratterizzata dal susseguirsi di sporgenze e rientranze che cadono a picco sul mare, con altezze che arrivano anche a 150 metri.Nel punto più alto della punta di Capo Sandalo si staglia il faro più occidentale d'Italia, Partendo dalla Punta, dove troviamo gli antichi stabilimenti delle tonnare e proseguendo verso ponente incontriamo nell'ordine, Calalunga, le Tacche Bianche, il canale di Memerosso. Particolarmente suggestive sono la grotta di Punta delle oche e la grotta di Nasca. Qui troviamo anche il Trogiu: una piscina naturale scavata dalla natura in mezzo agli scogli. Calavinagra è forse il fiordo più bello della costa nord-occidentale. Nell' Oasi LIPU Carloforte si può ammirare il Falco della Regina volteggiare nel cielo. Sempre procedendo verso ovest incontriamo Calafico, e dopo il Faro di Capo Sandalo, il golfo del becco e gli scogli delle Spine.L'unica spiaggia situata sulla costa occidentale è La Caletta, che è anche la più estesa. Procedendo verso sud troviamo alcuni luoghi caratteristici quali La Conca, un anfiteatro naturale degradante sul mare, con nelle immediate vicinanze, una piscina naturale. La costa della Mezzaluna è invece caratterizzata da una serie di grotte raggiungibili solo via mare. Sempre proseguendo verso sud si incontra la prima spiaggia della costa meridionale: la spiaggia delle Chinolle. Da lì in poi la costa diventa un intercalare di spiagge e scogliere. Incontriamo la spiaggia del Lucchese, La Bobba, la spiaggia di Guidi, Puntanera, il Giunco, la spiaggia più estesa dell'Isola che prosegue per qualche chilometro fino ad arrivare quasi a Carloforte.Impossibile non notare Le Colonne, due faraglioni di roccia trachitica emergenti dal mare, situati in prossimità della Bobba, una piccola cala posta di fronte alla costa dell'Isola di Sant'Antioco.