Test Tabou Da Curve 79 Anno 2013

30-06-2013
Boards

Misure 228 x 56 – 79 lt. – 6,4 Kg Range Vele (3.7~5.7) Costruzione: Flex Light Carbon Kevlar Construction Pinne: Zinger – Anteriori 2 x 9 – Posteriori 2 × 15 – Slot Box

Primo Sguardo:

La grafica, in coerente stile Tabou, evoca motivi “pop art” che rendono il brand assolutamente inconfondile. Le vivaci colorazioni policrome della coperta e della carena appaiono “incorniciate” da una fascia perimetrale nera che copre interamente i bordi. Anche il carbonio, le cui maglie si intravedono nella poche parti lasciate senza grafica, contribuisce a conferire alla tavola quel gioco di contrapposizioni che bilancia la follia di una grafica senza “freni inibitori” con il raziocinio di una costruzione che fa' della robustezza e della leggerezza i suoi punti forti. Per la seconda generazione quadster lo shaper Fabien Vollenweider, nella logica che quando uno shape riesce non va stravolto, ha apportato solo lievissimi ritocchi tutti concentrati nella zona poppiera. Le modifiche, quasi impercettibili ad occhio, sono consistite in una leggera limatura del volume e nell’introduzione di un lieve concavo al fine di aumentare ulteriormente il controllo in surfata. Infine, il nuovo processo costruttivo Flex Light Carbon Kevlar, ha reso le tavola ancora piu' leggera e solida rispetto alla precedente.

Strap: il posizionamento delle strap e' stato molto curato per le innumerevoli regolazioni consentite. A differenza della maggior parte delle tavole in commercio tutti i tasselli sono posizionati ad una distanza di 1,5 cm. (in luogo dei canonici 3 cm) in maniera da consentire il montaggio della strap sia a 13,5 (per una calzata “hawaiana” stretta alla base e larga sul collo del piede) che nella consueta calzata a 15 cm. Per quanto riguarda la strap posteriore e' possibile sia il posizionamento asimmetrico con vite di serraggio singola che il serraggio simmetrico doppio antitorsione. Per quanto concerne le strap anteriori e' possibile avvitarle con due angoli rispetto all’asse della tavola: un angolo piu' interno, per chi predilige esclusivamente il wave riding, o esterno maggiormente duttile. I puristi potranno addirittura optare per una configurazione asimmetrica (esterna per saltare in uscita ed interna per surfare nel bordo a rientro.)

Pads: i pads dotati di comodi bumpers per assorbire gli impatti sono confortevolissimi sia in andatura che specialmente nei salti.

Pinne: la tavola viene corredata da 5 validissime pinne Zinger e 2 tappi chiudiscassa. Possiamo usare il set di pinne quad (2 pinne da 9 per le scasse anteriori e 2 pinne da 15 per le scasse posteriori) tappando la quinta scassa centrale oppure il set di pinne truster, al fine di ottenere un assetto trifin per le condizioni meno “pulite”, usando come pinne anteriori le 9 e come pinna centrale la 17, chiudendo ovviamente le scasse inutilizzate. In realta' molti rider per l’assetto truster utilizzano come pinna posteriore in luogo della 17 la 15 per ottenere maggiore manovrabilita'.

In acqua

Mantenere l’imparzialita' per un prodotto, il cui fratello minore, mi ha reso felice durante tutto il mese di agosto trascorso a Tenerife risulta davvero difficile. In effetti il Tabou quadster 2012 74 e' risultato sempre all’altezza della situazione in qualsiasi condizione di vento e onda. Dalle numerose uscite con la 3,7 sovrainvelato a quelle con la 4,7 al limite, il piccolo quadster mi ha sempre fatto tornare in spiaggia con il sorriso sulle labbra. Al ritorno dalle vacanze estive ho avuto la possibilita' di usare questo nuovo quadster 2013 – 79 litri nello spot di Termoli, teatro ideale per provare accuratamente la tavola in wave riding. Sebbene il litraggio di 79 litri, per un peso “piuma” come me (64 kg.), sia da considerarsi piu' idoneo alle condizioni light wind la tavola non e' apparsa mai incontrollabile. Nonostante le vele usate ( 4,7 – 4,2) la tavola ha confermato, anche nella misura piu' grande, le grandissime doti di controllo anche in sovrainvelatura. In surfata lo shape “indovinato” rende tutto molto semplice sia nella configurazione da me prediletta quad, dove il grip eccezionale consente bottom turn strettissimi rail to rail che in configurazione truster, un pelino piu' “loose” ma meno sofferente nei buchi di vento e dalla planata immediata. Gia' dal primo bordo, nonostante il passo larghissimo tra le gambe (stance) subito si avverte una rassicurante familiarita'. Superare i frangenti, grazie al pronunciato scoop, e' operazione semplicissima tanto che impattando la schiuma non di rado la tavola tende a staccare a volte anche in maniera improbabile dimostrando una notevole vivacita'. Per quanto concerne la doppia configurazione quad – truster disponibile ho potuto appurare, facendo diverse prove, che impegnando qualche minuto per trimmare la tavola prima di uscire e' possibile affrontare nel migliore dei modi un’ampissima varieta' di condizioni. L’assetto truster mi e' tornato utile prevalentemente con il vento leggero. In queste condizioni la tavola diventa molto planante e veloce. Quando invece il vento e' costante ed il tiro nella vela e' assicurato il quad mi ha garantito un controllo senza limiti. Surfare con questa tavola e' un vero piacere. E’ opportuno sottolineare che in quest’ultima configurazione, nonostante risultino un pelo pregiudicate la partenza in planata e la velocita' comunque restano perfettamente in linea con le tavole di pari litraggio. Di certo la configurazione quad predilige le onde ed e' proprio li che il Tabou Quadster eccelle: la discesa dall’onda, propedeudica al bottom turn non ravvisa mai incertezze, sbilanciamenti o perdite di aderenza, la tavola procede con la prua alta in attesa di essere indirizzata, mediante gli affilati rails, nella parte piu' ripida dell’onda. Basta cambiare il peso e spingere costantemente con il collo del piede e l’assetto quad garantisce, grazie al suo grip impressionante, archi di curva strettissimi alla massima velocita'. L’unico limite e' rappresentato dalla destrezza o meno del rider. Vuoi per la distanza tra le strap molto ampia, vuoi per lo shape davvero eccellente, questa tavola consente sempre di essere radicali senza essere necessariamente dei pro.

Il trim: Per quanto concerne il trim, una volta valutate le condizioni e quindi optato per la configurazione QUAD o TRIFIN secondo le mie prove e le opinioni scambiate con molti rider le configurazioni ottimali sono le seguenti:

Piede d’albero: dividendo la scassa in tre parti uguali, l’inizio del terzo segmento da prua (circa a 130 cm. da poppa) e' il punto ideale per posizionare il track.

Pinne in assetto Quad: ho trovato come posizione ideale la posizione centrale per tutte le scasse.

Pinne in assetto Truster: le due pinne anteriori al centro delle scasse e la pinna centrale 2 cm piu' arretrata rispetto al centro (specie se si utilizza la 14 invece della 17).

Strap: strap posteriore al secondo tassello da dietro con larghezza 13,5. Verificare che l’asse immaginario che attraversa la tavola passando per il centro della strap combaci con la parte anteriore delle pinne posteriori (leading edge). Le strap anteriori le ho posizionate al primo tassello da dietro, a 13,5 sui tasselli interni.

In conclusione: Una tavola dal temperamento vivace nel wave restando sempre molto accessibile e consentendo di migliorare la propria tecnica di surfata.

Paolo De Angelis windspirit staff

L’opinione del peso massimo

Rider: Emilio Lamberti Peso (a secco) 90kg Tavola attuale: Tabou Quadster 91

Sono sempre stato del parere che in uno sport come il windsurf, dove il peso del rider incide molto, l'equazione "Uomo grande = Tavola grande" sia la piu' semplice ed intuibile soluzione! Sin dai primi bordi la sensazione e' di avere una tavola bilanciatissima, premetto che il mio livello non e' quello di un pro ma questa board conferisce una sensazione di sicurezza che aiuta davvero tanto a disimpegnarsi in ogni condizione specialmente in surfata dove il controllo conferito al rider rende un gioco da ragazzi surfare le onde di medio livello. Una tavola che non solo e' in grado di esaltare e migliorare il livello in wave riding ma che non paga nulla, e sottolineo questo aspetto, in ingresso in planata rispetto a tavole di pari categoria. Anzi devo dire che paragonata ad altre tavole che ho posseduto il quadster non mi ha dato quella sensazione di tavola frenata. Nelle condizioni light wind e quando c'e' molta corrente, la tavola in configurazione quad inizia a risentire un po' dell'effetto attrito e a rimanere un po' troppo vincolata all'acqua. Sensazione che noi surfisti pesanti conosciamo bene. Ma e' qui che entra in gioco la seconda possibilita' messa a disposizione da Fabien: il Trusther! Ci si impiega davvero poco nel smontare le due pinne posteriori posizionare i tappi e inserire la terza pinna nella scassa centrale e dato che sono abbastanza pigro nelle regolazioni credo di aver superato la noia iniziale con questo meraviglioso sistema: lo slot box. Il solo pensiero di dover regolare le vecchie us e per ben 5 scasse fa affiorare brutti ricordi tra giravite martello, pinne incastrate e viti che si perdevano nella sabbia.

Con le slot box invece basta davvero poco ed il vostro quad diventa un trusther. Se volete avere una tavola un po' piu' "slashante" consiglio di lasciar perdere la quinta pinna (la piu' grande fornita in dotazione) e di utilizzare una delle due posteriori dell'assetto quad per avere una configurazione piu' trifin (ossia con tre pinne di pari lunghezza). Con questo assetto la tavola eccelle nelle condizioni di vento leggero e consente a noi rider pesanti di continuare a divertirci. Le sensazioni sono di una tavola molto piu' libera sotto i piedi e ancora piu' planante e veloce rispetto alla configurazione quad. In surfata gode di una spaventosa accelerazione che permette all'uomo grande di ridare anche con poco vento. Riassumendo: questa tavola e' davvero adatta ad ogni condizione per il rider pesante. Ho utilizzato l'assetto quad per tutte le uscite dalla 4.7 in giu' divertendomi come un matto anche nelle giornate da 3.5 in cui meno litri avrebbero potuto far comodo. Mentre nelle condizioni da 5.2 a salire e soprattutto nei nostri mari con condizioni non eccellenti, la configurazione truster e' stata la migliore scelta permettendomi di continuare ad uscire con la medesima tavola utilizzata nelle condizioni da vento forte. Questa la mia esperienza che credo risulti valida per chi ha un peso tra gli 85-90 kg e un quiver di vele dalla 5.7 o 5.5 in giu'. Credo che un rider piu' leggero di me tra gli 80-85 kg potrebbe optare senza problemi per l'85 litri. Ringrazio Dna surf shop e White Reef che come sempre ci forniscono l'ottimo materiale. Ringrazio Paolo De Angelis per aver apprezzato le mie impressioni e pubblicato questo mio primo test.

Emilio Lamberti windspirit staff

Test Tabou Da Curve 79 2013
Test Tabou Da Curve 79 2013
Test Tabou Da Curve 79 2013
Test Tabou Da Curve 79 2013
Test Tabou Da Curve 79 2013
Test Tabou Da Curve 79 2013
Test Tabou Da Curve 79 2013
Test Tabou Da Curve 79 2013
Test Tabou Da Curve 79 2013
Test Tabou Da Curve 79 2013
Last news
  • Piu info

    La storia di un europeo tutto d\'oro: Nicolò Renna, il coach Dario Pasta e gli altri

    20-04-2018 Windsurf Competizioni
    Circolo, famiglia, allenatori, scuola, amici di una vita, compagni di squadra e avversari: tutto quello che sta dietro ad una vittoria e ai futuri impegni agonistici di un ragazzo diciassettenne nato nella culla del windsurf mondiale: Torbole sul Garda Per Nicolò Renna e il Circolo Surf Torbole si avvicina sempre di più il momento  di staccare il biglietto per Buenos... Vai alla news
  • Piu info

    AL VIA L\'ITALIAN SLALOM TOUR 2018. PRIMA TAPPA A MARSALA - 28-30 aprile 2018

    15-04-2018 Windsurf Competizioni
    Nell'ultimo weekend di aprile si svolgerà la prima tappa dell'Italian Slalom Tour Windsurf 2018, manifestazione del circuito di gare organizzate dall'Associazione Italiana Classi Windsurf (FIV). Sarà il Circolo Velico di Marsala, in Sicilia, ad ospitare la manifestazione che contemporaneamente sarà valida anche come prima tappa dello sperimentale Italian Foil... Vai alla news
  • Piu info

    Progetto Slalom giovani RRD FireRace120: parte la squadra agonistica Slalom CSTorbole

    10-04-2018 Windsurf Competizioni
    Dopo il riconoscimento ufficiale della Federazione Italiana Vela - tramite l'AICW- al Progetto giovanile Slalom con tavole monotipo RRD FireRace 120, il Circolo Surf Torbole parte a tutti gli effetti con una squadra agonistica Slalom per dare la possibilità a chi termina l'attività sul Techno 293 e non solo, di proseguire con le regate mantenendo viva la... Vai alla news
  • Piu info

    Nicolò Renna campione europeo Techno 293 Plus

    07-04-2018 Windsurf Competizioni
    Nicolò Renna Campione Europeo Techno 293 Plus, mette una bella ipoteca per la partecipazione all’Olimpiade Giovanile di Buenos Aires Doppietta azzurra con la vittoria in campo femminile di Giorgia Speciale   Nicolò Renna ce l’ha fatta: il portacolori del Circolo Surf Torbole ha conquistato il titolo europeo della classe olimpica giovanile Techno 293 Plus... Vai alla news
  • Piu info

    Nicolò Renna secondo agli europei techno 293 Plus-Domani la conclusione

    05-04-2018 Windsurf Competizioni
    Nicolò Renna passa secondo ai Campionati Europei della Classe olimpica giovanile Techno 293 Plus, validi come prima selezione per i Giochi di Buenos Aires Sabato la conclusione con ulteriori 5 possibili regate   Mondello, Palermo - Prima giornata di finali molto impegnativa ai Campionati Europei Techno Plus 293 in svolgimento presso il Circolo Canottieri Roggero di... Vai alla news
  • Piu info

    Europei Techno 293 Plus-buon avvio per la squadra del Circolo Surf Torbole

    04-04-2018 Windsurf Competizioni
    Europei Techno 293 Plus, a Mondello (PA): l’evento è valido come qualifica personale in vista  dell’Olimpiade Giovanile di Buenos Aires (under 19) Buon avvio degli atleti del Circolo Surf Torbole, che nella categoria maschile centrano tutti e quattro la "gold fleet”. Nicolò Renna, migliore degli italiani, è quarto a 4 punti dal capo... Vai alla news
  • Piu info

    Campionato Europeo Freestyle di Windsurf EFPT

    27-02-2018 Windsurf Competizioni
    PORTO LISCIA WINDSURF CLUB, responsabile della organizzazione dell’Evento in oggetto, sotto l’egida della Lega Navale di S.Teresa Gallura affiliata alla F.I.V. (Federazione Italiana Vela), impegnati principalmente con uno scopo: promuovere l'attività dello sport della vela e del windsurf, soprattutto presso i più giovani, attraverso attività agonistica,... Vai alla news
  • Piu info

    #AICSWINDSURFING Alghero la finale annullata

    12-12-2017 Windsurf Competizioni
    La terza e ultima tappa del circuito Windsurf Wave Sailing Tour 2017 ad Alghero è stata annullata. La decisione è stata sofferta, ma necessaria dopo un guasto alla moto d'acqua che avrebbe dovuto garantire la sicurezza in mare di atleti, giudici e fotografi. Un imprevisto che avrebbe potuto compromettere l'esito della competizione, ma soprattutto mettere in pericolo tutti i... Vai alla news
  • Piu info

    SSD Stone Board Design 2017

    07-12-2017 Windsurf Boards
    Dopo le innumerevoli richieste dei tantissimi appassionati che costantemente mi contattano sulle spiagge, via mail e attraverso i social, ecco, a distanza di un anno di utilizzo, il racconto e le mie sensazioni sulle tavole SSD (Stone Surf Design) che posseggo. Cercherò di essere il più oggettivo possibile, nonostante la passione che provo per queste tavole sin dal... Vai alla news
  • Piu info

    Massimiliano Loncrini è il vincitore dell’Italian Slalom Tour 2017

    07-12-2017 Windsurf Competizioni
    Torbole, 7 dic – Il venticinquenne di Malcesine Massimiliano ‘Max’ Loncrini, che gareggia per il Circolo Surf Torbole, si aggiudica l’Italian Slalom Tour 2017, precedendo in classifica generale, alla fine delle tre tappe che si sono disputate quest’anno, il secondo arrivato Luigi Romano ITA-911 di Grosseto, del Circolo Velico Castiglion della Pescaia ed il terzo,... Vai alla news
  • Piu info

    Ciabatti e Maggetti, sogno Tokyo

    07-12-2017 Windsurf Competizioni
    Obiettivo Olimpiadi 2020: la corsa per Tokyo per Carlo Ciabatti, 19 anni appena compiuti, e Marta Maggetti, 21 anni, campioni di windsurf, comincia da Cagliari. Con un padrino e una madrina di eccezione: Max Sirena di Luna Rossa (presto a Cagliari per preparare l'America's cup) e Chiara Obino, la apneista dei record. Un vero e proprio progetto, curato dal Consorzio eccellenze veliche,... Vai alla news
  • Piu info

    IL NETWORK VEDETTA.ORG SPONSOR UFFICIALE STAGIONE 2018 DELL’AICW.

    24-11-2017 Windsurf All News
    L’A.I.C.W. in persona del suo VicePresidente Segretario Avv. Cristiano Siringo comunica di avere appena stretto un accordo in esclusiva con Alessio Salvadori Chairman del network VEDETTA.ORG, che diventerà sponsor ufficiale della stagione agonistica 2018. Salvadori e VEDETTA, grazie alle loro avanzate tecnologie,  si occuperanno di trasmettere in diretta streaming tutte le... Vai alla news
  • Piu info

    Nicolò Renna vince i Campionati Sudamericani Techno Plus

    18-11-2017 Windsurf Competizioni
    Il portacolori del Circolo Surf Torbole Nicolò Renna vince a San Isidro, Buenos Aires, i Campionati Sudamericani Techno 293 Plus A poco meno di un anno dai terzi Giochi Olimpici Giovanili- in programma a Buenos Aires-Argentina- dal 6 al 18 ottobre 2018, bella conferma di Nicolò Renna, che - proprio sul campo di regata delle prossime Olimpiadi Youth, a San Isidro sul Rio de... Vai alla news
  • Piu info

    Il siciliano Francesco Cappuzzo campione nazionale Wave Windsurf per la seconda volta

    17-11-2017 Windsurf Competizioni
  • Piu info

    INTERVISTA A DANIEL SLIJK, IL NUOVO CAMPIONE ITALIANO UNDER 20

    07-11-2017 Windsurf Competizioni
    Molto giovane e con un grande futuro davanti a sé. Stiamo parlando di Daniel Slijk, il nuovo Campione Italiano Under 20 di Windsurf. Nato a Torbole e cresciuto in una famiglia che è da sempre in contatto con questo sport, il talento ce l’ha proprio nel DNA. Volete saperne di più? Leggete qui sotto l’intervista che abbiamo fatto al rider... Vai alla news
  • Piu info

    Valutare gli alberi usati

    27-10-2017 Windsurf Didattica
    Negli ultimi due anni si sta parlando molto di "curvature", "rigidità" e quanto questi due fattori incidano sulle performance di una vela. Per questo motivo negli ultimi tempi sui vari mercatini si è visto il proliferare di alberi usati. Cerchiamo di capire come riconoscere un vero affare evitando il piu' possibile di prendere una fregatura. Con la solita... Vai alla news
  • Piu info

    Al campione in carica Francesco Cappuzzo la prima tappa 2017 di Putizzeddu

    24-10-2017 Windsurf Competizioni
    Il detentore del titolo 2016, il giovane siciliano Francesco Cappuzzo si aggiudica la prima tappa del Campionato Nazionale Wave 2017 che si è tenuta a Putizzeddu, in provincia di Trapani. In finale batte prima Jacopo Testa nel single e Andrea Rosati poi nel double elimination. Tutti e tre gli atleti saliti sul podio sono sponsorizzati RRD. Sul podio salgono... Vai alla news
  • Piu info

    Campionato Nazionale Wave Windsurf 2017

    21-10-2017 Windsurf Competizioni
    Semaforo verde per la prima tappa del Campionato Nazionale Wave Windsurf 2017. La perturbazione attesa da domenica ha fatto scattare la macchina organizzativa dell'AICW, Associazione Italiana Classi Windsurf. Il secondo waiting period dell'anno era partito il 15 settembre scorso e scadrà a metà novembre, ossia la finestra di tempo in cui si può svolgere... Vai alla news
  • Piu info

    Canottieri Marsala: Roman Sorrentino terzo Under 17 al Campionato Italiano Techno 293

    20-10-2017 Windsurf Competizioni
    La stagione agonistica di Windsurf si conclude con il Campionato Nazionale Italiano. Le quattro tappe in programma hanno visto la partecipazione di Roman Sorrentino, atleta di punta della Società Canottieri Marsala, che si è sempre distinto per le sue prestazioni di alto valore tecnico. Dal 13 al 15 ottobre 2017, a Civitavecchia, si è disputata la quarta e ultima... Vai alla news
  • Piu info

    Il campione del mondo di windsurf si allena a Diano

    20-10-2017 Windsurf All News
    Un campione mondiale di windsurf oggi si è allenato nel Mare di Diano Marina. Matteo Iachino, 28 anni, savonese di Albisola, campione iridato lo scorso anno nello slalom, questa mattina e oggi pomeriggio ha volteggiato sulle onde increspate dal vento provando vari materiali nello specchio acqueo davanti ai bagni «Ponterosso» di Guerrino De Marco. «E’ un piacere... Vai alla news

no title...

no date...
no content...